Fabrizio Lipani

Project Manager

A tre anni facevo arrabbiare mio padre togliendo le ruote dal carrello degli attrezzi per realizzare le mie macchine di legno.
Nel crescere, ho continuato a provare gusto nel trasferire soluzioni da un punto all’altro, apprendendo sempre.
A 19 anni, dopo la mia prima ora di lezione universitaria, avevo già una Partita IVA, perché è “meglio risolvere i problemi degli altri”.

Salute! no, non è un augurio: per cinque anni mi sono divertito ad innovare la sanità. Quello che la sanità ha lasciato a me, è la capacità di riconoscere un problema, partendo sempre da una buona anamnesi, proseguendo con un’appropriata diagnosi, concludendo con una terapia su misura. Cose che incredibilmente si sono rivelate utili sia per risolvere problemi sociali che imprenditoriali CLMakers, Farm Cultural Park e Polline Art mi hanno permesso e mi permettono tutt’oggi di sperimentare ed apprendere senza tregua soprattutto nel sociale e nel mondo culturale.