Tecnologie per Smart Working

Oltre 100 mila i lavoratori in Italia che stanno sperimentando i benefici dello smart working, questo nuovo modello di organizzazione del lavoro che mira a un corretto equilibrio fra vita personale e professionale, mantenendo il focus su performance e obiettivi da raggiungere.

Fastweb, Vodafone, Accenture, ma anche Unicredit, Intesa Sanpaolo, Bnl e aziende del settore farmaceutico e alimentare, tutte alla caccia di una migliore gestione del capitale umano, proteso verso le performance e non una mera misurazione delle ore lavorate. E Il capitale umano rappresenta la vera leva strategica per accrescere la competitività dell’impresa.

Smart working significa eliminare i limiti dello spazio fisico di lavoro, scegliendo dove e quando lavorare. L’abilitatore a questo nuovo modello organizzativo diventa il set di soluzioni ICT a servizio delle aziende e dei dipendenti, con focus su prestazioni ed efficacia.

Il nostro focus sono state le tecnologie, al fine di misurare presenza e performance dei lavoratori smart, con la capacità di fungere da abilitatori a determinate funzioni e contesti (autenticazioni a spazi e cloud tools, accessi a spazi e funzioni, misurazione e controllo presenza). Le tecnologie usate sono state sensori bluetooth e sistemi passivi, e mobile app.

Tags: gps, ibeacon, nfc, smart working

Autore

Kiko Corsentino
Dopo Napoleone, esempio vivente di come anche sotto il metro e settanta si possano realizzare i sogni. Ma per me non ci sarà una Waterloo. Ho perso da tempo il controllo del mio calendario impegnato fra esperimenti di start up e consulenze.